Chi ha il compito di stabilire modalità e tempi di lavoro all’interno del progetto?

Nell’ambito del progetto o del programma la definizione dei tempi di lavoro e delle relative modalità deve essere rimessa al collaboratore.

Ciò perché l’interesse del committente è relativo al perfezionamento del risultato convenuto e non, come avviene nel lavoro subordinato, alla disponibilità di una prestazione di lavoro eterodiretta.

Pur tuttavia, il collaboratore a progetto se opera all’interno del ciclo produttivo del committente , deve necessariamente coordinare la propria prestazione con le esigenze dell’organizzazione del committente.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.