Dta: passaggio automatico in credito d’imposta per le banche

Nella circolare n. 37/E pubblicata il 28 settembre 2012, l’Agenzia delle Entrate approfondisce la disciplina delle Dta (Imposte differite attive), introdotta dal “decreto milleproroghe” per il 2011 e integrata dal Dl “salva Italia” (Dl 201/2011). Per le banche la trasformazione delle Dta in credito d’imposta è automatica. Per i soggetti diversi dalle banche, invece, il documento di prassi puntualizza come il passaggio Dta/credito d’imposta sia facoltativo, in quanto per tali soggetti la norma assume una mera finalità agevolativa, rappresentata dall’anticipato riconoscimento di un onere, rispetto alle ordinarie regole fiscali.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.