Il malfunzionamento del fisco consente la proroga ai processi tributari

L’ufficio delle Entrate che notifica un avviso di accertamento in ritardo, a causa di un malfunzionamento per ragioni di forza maggiore, può invocare la sospensione dei termini processuali. A chiarirlo la sentenza n. 18808 del 20 agosto 2010 della Corte di Cassazione che così allarga le ipotesi di proroga dei termini non solo per quelli relativi alla fase accertativa, ma anche per quelli della fase processuale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.