Il reato allunga l’accertamento

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare numero 54/E del 23 Dicembre 2009, ha chiarito che, in presenza di notizia di reato in materia di imposte sui redditi e Iva, i termini di decadenza dell’azione di accertamento ai fini fiscali viene raddoppiata, per nulla rilevando l’esito del procedimento penale, e concernono anche i soggetti che, in qualche maniera, sono solidalmente responsabili delle violazioni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.