Il redditometro insegue 20mila finti poveri

Nei prossimi mesi, la Guardia di finanza si propone di effettuare circa ventimila controlli sui finti poveri d’Italia, mediante l’utilizzo: di elicotteri per immortalare dall’alto piscine, parchi e ville di lusso; di pattuglie stradali per verificare auto e moto di grossa cilindrata; di motovedette per controllare le imbarcazioni da diporto particolarmente potenti o di stazza più grande.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.