La sospensione dei crediti Inps piu’ difficile dopo l’approvazione della Manovra anticrisi

Dopo l’iscrizione a ruolo l’Inps non può più sospendere la riscossione dei crediti, anche se è pendente un ricorso amministrativo.
Lo prevede l’articolo 30 del decreto legge 78/2010, convertito nella legge 122 che abroga il comma 2 dell’articolo 25 del decreto legislativo 46/1999 che conferiva all’ente previdenziale, dopo l’iscrizione a ruolo, in pendenza di ricorso amministrativo, la facoltà di sospendere la riscossione con provvedimento motivato, notificato al concessionario e al contribuente.

La circolare n. 108 del 9 agosto fa il punto delle nuove regole, e precisa che il provvedimento di sospensione potrà essere ancora adottato per la sospensione dell’attività di recupero per cause contabili quali i pagamenti già effettuati e non ancora contabilizzati, oppure amministrative.
Potranno essere sospesi anche i crediti per i quali vi siano ordinanze di sospensione dell’esecutività della cartella.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.